Metti un Fablab su due ruote: l’idea folle di due makers taiwanesi

Un computer e una stampante 3D montati su una bici: è il Fablab itinerante che vuole diffondere la DIY culture a Taiwan

A vederla non sembra nemmeno poi sto granché. E in effetti come bici non ha nulla di speciale. Sembra una delle tante che percorrono le strade di Taipei, capitale di Taiwan. Eppure è ciò che porta con sé Mobile Fab, così l’hanno chiamata, a renderla speciale. E’ un Fablab mobile. Nel carrello anteriore ha un computer e una stampante 3D in grado di trasformare sul posto bottiglie, rifiuti, piatti di plastica in oggetti d’arte.1451421_529240363839783_2052124759_n
Nata con l’obbiettivo di diffondere la cultura del 3D pinting nell’isola, è stata creata dallo studio di design Fabraft, Mobile Fab ha tutto ciò che serve ad una stampante 3D per funzionare e eseguire alla perfezione la stampa dei prototipi: frantuma gli oggetti, ne fa polvere, li ricrea stampandoli e controllando i processi sul monitor.

“Volevamo fare qualcosa per avvicinare l’uomo della strada sia al tema del riciclaggio dei rifiuti sia alle potenzialità della stampa 3D,” ha spiegato Kamm Kai-yu, cofondatore del Fabraft.

Ogni “output” della stampante è unico, infatti può essere creato ogni tipo di design. Kai-yu e soci sono artisti e designer. Oggi makers .
6044899e-1d69-4169-8f5a-c3da78fe9196_medium
“Creiamo ogni cosa da material di recupero, usando stili di design e istruzioni che si trovano gratuitamente su internet”, ha raccontato Matteo Chen,  altro cofondatore di Fabraft. Secondo loro la “bicicletta magica” è diventata di gran moda tra le persone. Non difficile da credersi cosiderata la facilità con cui queste cose diventano virali da quelle parti. E oggi hanno cominciato a pensare di costruirne una versione più grande con una stampante maggiormente potente e, probabilmente, dotata di altre macchine come laser cutter.

Il progetto è stato parzialmente finanziato dal governo di Taiwan che ha fortemente puntato sul movimento maker per fare emergere nuovi talenti e guardare al futuro della manifattura locale. Taipei si appresta a essere nel 2016, World Design Capital, dopo essere stata scelta dall’International Council of Societies of Industrial Design.